239. LEOPOLD MOZART AN GIOVANNI LUCA PALLAVICINI, BOLOGNA

[Salzburg, 19. Juli 1771]
Eccelenza!

Non ho mai provato tanta pena al Core, quanto sia quella, che sento nel far mi stesso il rimprovero d`avere in qualche maniera meritato il titolo obrobrioso d`un ingrato avendo sin`ora tralasciato à mandar à V: Eccelenza delle nostre nuove. La poco abilitá di scrivere in italiano mi féce di tempo in tempo differir à compire il mio dovere, piu che persuaso, che à V: Ecc: non abbiano mai mancati degl`avisi sinceri del`incontro di figlio mio à Milano, avisi sicuri, impartiali, e per consequenza di piu valore secondo il proverbio: propria Laus sordet etc: Ora, che, Dio grazia, stiamo sani e salvi in Salisburgo prendo la Liberta di incommodar V: E: colla presente e di notificare, che appena arrivati à casa, ebbi una Lettera della Impresa del Teatro di Milano nella quale fú accordato il mio figlio à Scrivere l`opera del Carnevale 1773, e pocco dopo chiamato à trovarsi al principio del prossimo Mese di Settembre in Milano per scrivere la Serenata ò sia Cantata teatrale per lo Sposalitio di S: A: R: L`Arciduca Ferdinando, un incontro tanto piu onorifico, che il piu vechio dei Maestri il Sgr: Adolfo Hasse detto il Sassonne scrivera l`opera ed il Maestro il piu giovine la Serenata, un tal Sgr: Abate Porini stá attualmente facendo la Poesia di questa Cantata, che, come mi scrivono di Vienna, sará terminata alla metà del mese venturo e sara intitolata Ascanio in Alba.
Frátanto sta componendo il mio figlio un Oratorio di Metastasio per Padua ordinato del Sgr: Don Giuseppe Ximenes de Ppi d`Aragona, quest`oratorio mandero, passando per Verona, à Padua per essere copiato, e ritornando da Milano anderemo à Padua per sentirne la Prova.
Padre e figlio ringraziamo V: E: di tante grazie ricevute e consegniamo umilmente nostri devotssi Rispetti à Vostra Eccelenza, à S: E: la Sg:ra Contessa nostra Pad:na al Ill:mo Sgr: Contino e preghiamo di conservarci le loro grazie, dichiarandomi unito col mio figlio con ogni zelo e divozione di Vostra Eccelenza
umiliss:mo devot:ssmo ed oblgt:mo
servitore
Leopoldo Mozart mpa
Salisburgo 19 Luglio 1771.