English  |  Deutsch  |  Italiano  |  Français
À Madame / Madame Marie Anne / Mozart / à / Salzbourg
Verona, 18 agosto 1771

Avrai puntualmente ricevuto la mia letterina da Bolzano. Ora voglio scriverti più diffusamente. Il primo giorno del nostro viaggio è stato un vero caos. A Kaitl, mentre il postiglione dava un poco di fieno ai cavalli, abbiamo mangiato in piedi qualche boccone di una pietanza a base di carne, bevendoci sopra un boccale di ottima birra marzolina. A Waidring abbiamo preso una zuppa e insieme abbiamo bevuto una birra di St. Johann footnote1 che non era niente male. Abbiamo cenato a St. Johann, il 14 abbiamo pranzato alla stazione di posta di Kundl e la notte a Innsbruck. Il 15 a mezzogiorno a Steinach, la notte a Bressanone. Il 16 a mezzogiorno a Bolzano, la notte a Trento. Alle 9 di mattina del 17 siamo arrivati a Rovereto con l`idea di essere a Verona per la notte e di fare a mezzogiorno una sorpresa ai due sigg. Piccini footnote2 ad Ala. E ci saremmo anche arrivati puntualmente per mezzogiorno, se non ci fossimo prima trattenuti troppo a lungo dal sig. barone Pizzini a Rovereto (poiché è subito arrivato anche il sig. Dr.e Bridi) partendo da là solo alle 10 e mezza, e se poi non avessimo trovato tanti ostacoli lungo la via: il sig. Lolli, il celebre violinista, ci è venuto incontro, quindi i postiglioni hanno cambiato i cavalli e inoltre i carri dei contadini ci hanno causato qualche intralcio nelle strade strette. Siamo dunque giunti ad Ala dai 2 sigg. Piccini footnote3 solo verso l`una dopo mezzogiorno; e ancor prima che arrivassimo avevo deciso di restarvi, ché non volevo arrischiarmi a proseguire per Verona, visto che là all`ora dell`ave maria chiudono le porte, e faceva inoltre un gran caldo e nei nostri abiti da viaggio saremmo stati più a nostro agio recandoci in chiesa ad Ala piuttosto che a Verona. Ad Ala ci siamo intrattenuti con la musica, o piuttosto lei si è intrattenuta con noi, e solo oggi alle 7 siamo ripartiti per Verona, dove alle 12 e mezza siamo scesi dal Sgr. Luggiati e all`una siamo andati a pranzo. Ora, dopo mangiato, tutti si sono ritirati a riposare e io impiego il tempo per scarabocchiare questa lettera con una misera penna, mentre il caldo è tutt`altro che trascurabile. Con gran fatica ho convinto anche il Wolfg. a farsi una dormita; ma ha dormito solo per una mezz`oretta. Ora devo dirti che, nella fretta, ho dimenticato di portare con me alcune sonate per cembalo e un trio per un buon amico di Milano che ci ha reso molti servigi. Se il sig. Troger venisse a Salisb., lo prego di prenderli con sé, tu frattanto preparali. La Nannerl deve quindi cercare i 2 trii, uno di Joseph Haydn in fa con violino e violoncello. E uno in do. C`è scritto sopra Wagenseil, NB con variazioni. E quello di Adlgaßer in sol. La piccola cassazione di Wolfgg in do . footnote4 E qualche buona sonata di Rutini . footnote5 Per esempio quella in mi bemolle, in re, etc. Se la Nannerl comunque volesse suonarle, le ha ancora, perché si trovano fra le sonate di Rutini stampate a Norimberga. Porgi i nostri omaggi a Mr. Troger e pregalo di rammentarvi a Sua Ecc. il sig. conte v. Firmian, porgendogli i vostri ossequi: gli siamo molto debitori, non trascurate di farlo. Scriverò da Milano quanto prima possibile, statemi bene, vi baciamo 100000 volte e sono
il tuo vecchio
ben scritto! Mzt
I miei omaggi a tutti i buoni amici e alle amiche!

AGGIUNTA DI MOZART ALLA SORELLA:

Dilettissima sorella.

Non ho dormito per più di mezz`ora, perché non mi piace dormire dopo pranzo. Tu puoi sperare, credere, pensare, essere dell`opinione, avere certezza, ritenere, immaginarti, figurarti, vivere fidando nel fatto che noi si sia in salute, ma io posso dartene notizia certa. Devo sbrigarmi. addio. I miei complimenti a tutti i buoni amici, e alle amiche. Augura buon viaggio al sig. von Hefner da parte mia e domandagli se non abbia visto la Annamiedel?
Addio. Stammi bene. Bacio la mano alla mama.
Bella scrittura! Wolfgang.
Si prega di utilizzare il seguente riferimento quando viene citato questo sito:
Eisen, Cliff et al. Con le Parole di Mozart, Lettera 241 <http://letters.mozartways.com>. Version 1.0, pubblicato da HRI Online, 2011. ISBN 9780955787676.
Con le Parole di Mozart. Version 1.0, pubblicato da HRI Online, 2011. ISBN 9780955787676