English  |  Deutsch  |  Italiano  |  Français
<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?><TEI.2><teiHeader><fileDesc> <titleStmt><title>In Mozart's Words (The letters from Italy): Letter 236</title> <respStmt> <resp>Annotations: Cliff Eisen, King's College, London</resp> <resp>XML-tagging of citations in the text: Claudia Pignato e Patrizia Rebulla, Castaliamusic</resp> <resp>Conversion to TEI XML: Michael Pidd, Humanities Research Institute, University of Sheffield</resp> <resp>Full credits available at: http://letters.mozartways.com</resp> </respStmt> </titleStmt> <publicationStmt> <publisher>Humanities Research Institute, University of Sheffield</publisher> <pubPlace>Sheffield, United Kingdom</pubPlace> <date>2011</date> <availability><p>This transcription can be freely distributed for non-commercial purposes on condition that it is accompanied by this header information identifying its origin and authors. Permission must be received for subsequent distribution in print or for commercial uses. Please go to https://www.dhi.ac.uk for more information.</p></availability> </publicationStmt> </fileDesc> <encodingDesc> <projectDesc> <p>Funder: EU Culture Programme (2007-2013)</p> <p>Project Team: Maria Majno (Europaische Mozart Way Ee.V); Cliff Eisen (King's College London - Dept of Music); Patrizia Rebulla (Comune di Milano - Settore Cultura) Stadt Augsburg - Kulturburo; HRI Digital, Humanities Research Institute (Univ. of Sheffield)</p> <p>Annotations: Cliff Eisen, King's College, London</p> <p>XML-tagging of citations in the text: Claudia Pignato e Patrizia Rebulla, Castaliamusic</p> <p>Conversion to TEI XML: Michael Pidd, Humanities Research Institute, University of Sheffield</p> <p>Full project credits available at: http://letters.mozartways.com</p> </projectDesc> </encodingDesc> <profileDesc> <langUsage id="ita"> <language>ita</language> </langUsage> </profileDesc></teiHeader><text><body><div type="letter"><div type="header"><hi rend="bold">236. <name type="person" id="3097" ref="3751">LEOPOLD MOZART</name> ALLA <name type="person" id="3098" ref="3753">MOGLIE</name>, <name type="place" id="3100" ref="47">SALISBURGO</name></hi></div><div type="date-and-place"> <name type="place" id="3102" ref="243">Vicenza</name>, 14 marzo<lb/> 1771</div>Lunedì - - sbagliato! Martedì 12 abbiamo lasciato <name type="place" id="3103" ref="133">Venezia</name>. Abbiamo fatto credere a tutti che saremmo partiti lunedì per avere un giorno libero e poter fare i bagagli in pace; solo che la cosa si è comunque venuta a sapere e a mezzogiorno abbiamo dovuto pranzare da Sua Ecc. Catarin <name type="person" id="4597" ref="1225">Cornero</name>, dove abbiamo ricevuto una bella tabacchiera e 2 paia di preziosi polsini di pizzo come regalo d`addio. Siamo salpati dunque il 12; ho preso un <hi rend="italic">Borcello</hi> privato, e il sig. <name type="person" id="3105" ref="4189">Wider</name>, sua <name type="person" id="3106" ref="4195">moglie</name>, le 2 figlie <name type="person" id="3107" ref="4196">Catharina</name> e <name type="person" id="3108" ref="4205">Rosa</name> e il <hi rend="italic">Sgr</hi>. <hi rend="italic"><name type="person" id="3109" ref="4206">Abbate</name></hi> hanno viaggiato con noi fino a <name type="place" id="3110" ref="220">Padova</name>. Hanno portato con sé cibo e bevande e tutto il necessario, e abbiamo cucinato e mangiato sulla barca. Il 13 siamo rimasti a <name type="place" id="3111" ref="220">Padova</name>, prendendo alloggio nel <hi rend="italic">Pallazzo</hi> del <hi rend="italic">Gentiluomo </hi><name type="person" id="3112" ref="4059">Pesaro</name>.<lb/>Il 14 io sono partito per <name type="place" id="3113" ref="243">Vicenza</name> e loro sono ritornati a <name type="place" id="3114" ref="133">Venezia</name>. A <name type="place" id="3115" ref="220">Padova</name> abbiamo visitato tutto ciò che era possibile vedere in un giorno, dato che anche qui non abbiamo avuto pace e il Wolfg. ha dovuto suonare in 2 posti. Ha ricevuto tuttavia anche un incarico: deve comporre un <hi rend="italic"><name type="work" id="3116" ref="52">Oratorium</name></hi> <ref type="footnote" id="fn0" n="1"></ref> per <name type="place" id="3117" ref="220">Padova</name> che potrà fare con comodo. Abbiamo fatto inoltre visita a p. <hi rend="italic">Maestro </hi><name type="person" id="3118" ref="4207">Vallotti</name><hi rend="italic"> <name type="place" id="3119" ref="272">al Santo</name></hi> e poi a <name type="person" id="3120" ref="1773">Ferrandini</name>, presso il quale ha anche suonato; e per finire ha suonato l`ottimo organo nell`incomparabile <name type="place" id="3121" ref="273">chiesa di S. Giustina</name>. Domani, il 15, restiamo qui a <name type="place" id="3122" ref="243">Vicenza</name> e non senza motivo. Il 16, se Dio vuole, andremo a <name type="place" id="3123" ref="75">Verona</name>, dove ci fermeremo senza dubbio per 3 giorni e da dove non partiremo quindi prima del 20. Il 20 sono intenzionato a mettermi in viaggio per <name type="place" id="3124" ref="80">Rovereto</name>, per proseguire poi il più velocemente possibile. Il Venerdì Santo visiteremo i santi sepolcri a <name type="place" id="3125" ref="266">Reichenhall</name> e, proseguendo da lì, a <name type="place" id="3126" ref="270">Mülln</name>, e forse arriveremo per l`Alleluia del sabato santo. Ma se nulla ci tratterrà lungo la strada, può darsi che arriveremo già giovedì. Forse potrò darti ancora notizie più precise da qualche altro posto. Ho ricevuto la tua lettera con il grande sigillo. <ref type="footnote" id="fn1" n="2"></ref> Ho saputo che c`era una lettera con un gran sigillo ancor prima di vederla, e ho fatto 1000 ipotesi in merito, giacché immaginavo che si trattasse di una missiva di grande riguardo.<lb/><lb/> <hi rend="underline"><name type="place" id="3127" ref="75">Verona</name>, il 18</hi><lb/><lb/>L`altro ieri sera siamo giunti qui. Dopodomani ripartiamo, quindi, considerando che soggiorneremo un po` qua e un po` là, arriveremo il pomeriggio o la sera del Venerdì Santo. Ho ricevuto oggi da <name type="place" id="3128" ref="133">Venezia</name> la tua lettera con l`allegato del sig. <name type="person" id="3129" ref="4081">Schittenhofen </name>insieme con la lettera di v. <name type="person" id="3130" ref="4189">Wider</name>. <ref type="footnote" id="fn2" n="3"></ref> Ieri abbiamo parlato con il sig. <name type="person" id="3131" ref="3129">Kerschbaumer</name>, che riverisce i suoi cari genitori, è in salute e sta bene; è venuto con noi dal sig. <name type="person" id="3132" ref="3793">Lugiato</name>, presso cui alloggiamo, dove ha visto la bella compagnia venuta per sentire suonare il Wolfg. e si è messo quindi fra gli ascoltatori prendendo parte al trattenimento. Si recherà a <name type="place" id="3133" ref="133">Venezia</name> e, se insieme con i miei omaggi posso dare un suggerimento al sig. <name type="person" id="3134" ref="3132">Kerschbaumer</name>, deve affidarlo al sig. <name type="person" id="3135" ref="4189">Johann Wider</name>; lo consiglio da persona onesta che sa cosa può giovare o nuocere ai giovani, specie a <name type="place" id="3136" ref="133">Venezia</name>, il più pericoloso luogo d`Italia. Ieri ho ricevuto una lettera da <name type="place" id="3138" ref="89">Milano</name>, in cui mi si annuncia una missiva proveniente da <name type="place" id="3139" ref="52">Vienna</name> che riceverò a <name type="place" id="3140" ref="47">Salisb.</name> e che vi colmerà di meraviglia, recando a nostro figlio un onore imperituro. <ref type="footnote" id="fn3" n="4"></ref> <lb/>Questa lettera mi ha portato un`altra piacevolissima notizia. <ref type="footnote" id="fn4" n="5"></ref> Statemi tutti bene, vi baciamo cento e 100 000 volte e sono sempre il tuo vecchio Mzt<lb/><lb/>I nostri omaggi a tutti gli amici e le amiche, specialmente al tappezziere e al carpentiere.</div><div type="footnotes"> <div type="footnotetext" id="fn0"> Presumibilmente <name type="work" id="000052" ref="000000">La Betulia liberata K118</name>. Vedi lettera 239</div> <div type="footnotetext" id="fn1"> Perduta</div> <div type="footnotetext" id="fn2"> Sia le lettere che l'allegato sono perduti</div> <div type="footnotetext" id="fn3"> Leopold si riferisce all`imminente commissione per <name type="work" id="003099" ref="000042">Ascanio in Alba</name></div> <div type="footnotetext" id="fn4"> E' probabile che qui Leopold si riferisca all'arrivo, o all'imminente arrivo del contratto, datato 4 marzo 1771, con la commissione per <name type="work" id="003101" ref="000311">Lucio Silla</name>: <lb/> <p type="indented"> Resta accordato il Sign. Amadeo Mozart per mettere in musica il primo dramma che si rappresenterà in questo Regio Ducal Teatro di Milano nel Carnovale dell'anno 1773 e le si assegnano per onorarlo delle sue virtuose fatiche Gigliati cento trenta, dico 130 g. ed allogio mobigliato.<lb/> Patto che il suddo. Sign. Maestro debba trasmettere tutti li recitativi posti in musica entro il Mese di 8bre dell'anno 1772 e ritrovarsi in Milano al principio del susseguente mese di 9bre per comporre le arie ed assistere a tutte le prove necessarie per l'opera suddetta. Risservati li soliti infortunij di teatro e fatto di Principe (che Dio non voglia).<lb/> Milano, 4 Marzo 1771.<lb/> Gl'Associati nel Regio Appalto del Teatro<lb/> Federico Castiglione</p> <lb/>Deutsch, Mozart. A Documentary Biography, 133 <ref type="background" idref="236-1"/><lb/> </div></div></body></text></TEI.2>
Con le Parole di Mozart. Version 1.0, pubblicato da HRI Online, 2011. ISBN 9780955787676