English  |  Deutsch  |  Italiano  |  Français
À Madame / Madame Marie Anne / Mozart / à / Salzbourg / par Mantova / Insprugg
Milano, 28 nov.
1772
Oggi ho puntualmente ricevuto la tua lettera del 20. footnote1 Vuoi che ti scriva molto. Ma che cosa posso mai scrivere? - Che, grazie a Dio, siamo entrambi in salute, è la cosa fondamentale e la migliore. Novità qui non ce ne sono, e molti, anzi, la maggior parte delle persone, sono ancora in campagna e rientreranno in città solo intorno a Natale, quando riapre il teatro. Perfino l`Arciduca si trova fuori città. Quanto al mio mal di testa, mi viene solo a momenti, e i capogiri li sento talvolta per qualche istante, quando mi volto la notte o quando mi alzo.
Per il resto godiamo di buon appetito, e quando mangio sono il più sano degli uomini. Tuttavia pranziamo una sola volta al giorno, e precisamente alle 2 pomeridiane. La sera prendiamo una mela, un pezzo di pane e un bicchierino di vino.
Scrivo da M.dme d`Aste che vi saluta. Mr. D`Aste ti manda a dire che si strugge perché non hai rivolto un complimento anche a lui; giacché anche lì ho aperto e letto ad alta voce la tua ultima lettera. Che il sig. conte Sauerau sia diventato decano del Duomo ha fatto infinitamente piacere a tutti noi. Sinceramente non lo avremmo creduto, perché pensavamo non avrebbe accettato. Nel porgergli i miei omaggi, ringrazia da parte mia il sig. maestro di cappella Lolli per il denaro di S. Cecilia. footnote2 Non me lo sarei aspettato. A tutti noi ha fatto piacere che una povera anima sia stata dispensata dal chiostro. Simili cose avverranno sempre più spesso. Riguardo alle musiche, footnote3 hai fatto bene, il sig. maestro di cappella footnote4 comporrà già delle sinfonie. Ringraziamenti e rispettosi omaggi a tutti i buoni amici e alle amiche per gli affettuosi auguri. Ti ho già scritto recentemente riguardo al cornista in licenza; porgigli i nostri omaggi. Qui non si vive a buon mercato. Bisogna adattarsi. Per il pranzo dobbiamo pagare 36 kr. sonanti a testa, quindi, in 2, 1 f. e 12 di moneta corrente. D`altra parte, mangiamo solo una volta al giorno, ma come si deve. Oggi la De Amicis partirà da Venezia, dunque sarà qui tra qualche giorno. Solo a quel punto comincerà veramente il lavoro; finora non si è ancora fatto molto. Il Wolfg. non ha scritto che la prima aria per il Primo uomo, la quale è però impareggiabile ed egli la canta come un angelo. addio, statemi bene. Vi baciamo cento e
100 000 volte e io sono il tuo vecchio Mzt


AGGIUNTA DI MOZART ALLA SORELLA:

Facciamo entrambi le nostre congratulazioni al sig. von Aman, e digli da parte mia che mi dispiace che abbia sempre tenuto il segreto quando gli ho parlato della sua sig.na fidanzata, l`avrei creduto più franco. Devo porgere anche gli omaggi del sig. e della sig.ra Germani, cui dispiace di non poter essere con loro. Ancora una cosa: dì al sig. von Aman che se vuole fare un vero matrimonio deve aspettare pazientemente finché ritorneremo, affinché si avveri ciò che mi ha promesso, ossia che io balli alle sue nozze. footnote5 Addio. Il mio baciamano alla mama. Omaggi a tutti i buoni amici e alle amiche.
[ Dì al sig. Leitgeb che deve venire difilato a Milano dove si farà sicuramente onore, ma che faccia presto. ] Ti prego di dirglielo. Perché ci tengo. Adieu.
Si prega di utilizzare il seguente riferimento quando viene citato questo sito:
Eisen, Cliff et al. Con le Parole di Mozart, Lettera 268 <http://letters.mozartways.com>. Version 1.0, pubblicato da HRI Online, 2011. ISBN 9780955787676.
Con le Parole di Mozart. Version 1.0, pubblicato da HRI Online, 2011. ISBN 9780955787676