English  |  Deutsch  |  Italiano  |  Français

Milano, 3 nov. 1770.
Avrai ricevuto la mia lettera del 27. footnote1 Io ho avuto tutte le tue lettere: footnote2 - Mentre scrivo queste righe, sarete da tempo tornate da Triebenbach. footnote3 Se a Salisb. è piovuto come qui, avrete avuto un divertimento bagnato, o, chissà, perfino un divertimento freddo, ché forse dalla vostre parti è nevicato come sulle montagne del bergamasco, che da quaggiù vediamo tutte innevate.
Il Wolfg. ringrazia te, sua sorella e tutti i buoni amici e le amiche degli auguri per il suo onomastico footnote4 e spera, se il buon Dio ci concede di rivederci in letizia, di darti piena felicità e soddisfazione in tutto ciò che gli hai augurato. Frattanto, nel porgere loro i rispettosissimi omaggi di noi due, ringrazia da parte mia i von Schiedenhofen per la grande gentilezza che vi hanno usato in casa loro, finché io stesso non avrò occasione di farlo di persona. Non so cos`altro scriverti, se non che siamo, grazie a Dio, in salute e vorremmo che fosse già Capodanno, o perlomeno Natale: perché fino ad allora ci sarà sempre, sempre qualche cosa da fare o di cui preoccuparsi, e di tanto in tanto qualche piccola scocciatura da far cagare arance e insomma, ci aspettano giorni agitati. Pazienza! Se questa grande impresa, sia benedetto Iddio, finirà felicemente, e, Iddio sia ancora una volta lodato, con onore, allora, sempre con l`aiuto del Signore, passeremo vittoriosi attraverso le inevitabili seccature che ogni maestro di cappella deve sopportare dalla Virtuosa Canalia, come Hanswurst footnote5 attraverso la montagna di me***!
Il sig. Wallner di Berchtesgaden non ha portato una lettera o del danaro da parte del sig. Otto di Francoforte? - -
Non devi dimenticarti di chiedere al sig. Hagenauer, porgendogli i miei particolari rispetti, che il sig. Peisser riceva il denaro dal libraio a Vienna footnote6 e precisamente, NB, in valuta viennese. Troverai tutto annotato. Spero che avrai fatto battere di tanto in tanto la mia pelliccia, altrimenti le piattole ci avranno festeggiato il martedì grasso. Stateci entrambe in salute, vi baciamo 100 000 volte e io sono il tuo vecchio Mozart

I nostri omaggi a tutti i buoni amici dentro e fuori casa, senza dimenticare soprattutto le amiche.

AGGIUNTA DI MOZART ALLA SORELLA:

Sorellina dilettissima del mio cuore.

Ringrazio te e la mama per gli auguri sinceri, e ardo dalla voglia di rivedervi presto a Salisb. Tornando ai tuoi auguri, posso dirti di aver quasi sospettato che a scriverteli in italiano fosse stato il sig. Martinelli, ma dato che sei pur sempre la sorella intelligentissima, e hai saputo arrangiare la cosa in modo così brillante, ponendo, subito sotto i tuoi auguri in italiano, gli omaggi del sig. Martinelli scritti nel medesimo stile, ecco qua, io non potevo assolutamente accorgermene, e ho subito detto a papa: Ah! potessi diventare anch`io così sagace e pieno di spirito! E papa ha detto: Già, questo è vero, e io poi ho aggiunto: ho sonno, ed egli dice proprio ora: smettila. Addio, prega Dio perché l`opera vada bene. Il mio baciamano alla mama, e a tutti i conoscenti i miei omaggi, sono come sempre il tuo
fratello Wolfgang Mozart
le cui dita a furia di scrivere
sono stanche stanche staneche footnote7
stache
Si prega di utilizzare il seguente riferimento quando viene citato questo sito:
Eisen, Cliff et al. Con le Parole di Mozart, Lettera 217 <http://letters.mozartways.com>. Version 1.0, pubblicato da HRI Online, 2011. ISBN 9780955787676.
Con le Parole di Mozart. Version 1.0, pubblicato da HRI Online, 2011. ISBN 9780955787676