English  |  Deutsch  |  Italiano  |  Français
Venezia, 1 marzo 1771
Grazie a Dio, siamo in salute e sempre invitati di qua e di là, di conseguenza con le gondole dei signori costantemente davanti a casa nostra, e tutti i giorni navighiamo sul Canal Grande. footnote1 Lasceremo Venezia con circa 8 giorni di ritardo rispetto ai miei piani, e dovremo trattenerci anche per 2 o 3 giorni a Vicenza, giacché il Vescovo di laggiù, che appartiene alla casata dei Cornero, non vuole saperne di lasciarci passare da quelle parti senza che pranziamo da lui o, meglio ancora, senza che ci tratteniamo da lui per lo meno qualche giorno. Poi ci sarà anche un soggiorno di 3 giorni a Verona, e forse un prolungamento di altre 24 ore. Ciò nonostante, se, Dio ce ne guardi, non sopraggiunge alcuna disgrazia, saremo a Salisburgo prima di Pasqua. L`unica cosa che mi dispiace è che per tutto il viaggio avremo solo mortificanti giorni di magro. Forse per il Venerdì santo arriveremo a Reichenhall per sentire la tradizionale opera della Passione. Ti racconterò per esteso come ho trovato l`Arsenale, le chiese, gli ospitali e altre cose etc., insomma, come ho trovato Venezia nel suo complesso. Frattanto posso dirti che qui ci sono da vedere cose belle e particolari. Dalla penna e dall`inchiostro vedi che sto scrivendo questa lettera dal sig. Wider, dove ho giusto ricevuto la tua missiva footnote2 insieme con l`allegato del sig. Adelgasser. I nostri omaggi al sig. Adlgasser e alla sua consorte; provvederò a tutto e risponderò a voce alla sua missiva. footnote3 Per quanto riguarda l`Opera, invece, non la porteremo ancora con noi perché si trova tuttora nelle mani del copista, il quale, come tutti i copisti d`Opera d`Italia, non si lascia sfuggire l`originale fintanto che può trarne profitto avendone l`esclusiva. Quando siamo partiti da Milano, aveva da fare 5 copie complete, ossia 1 per l`Impresa, 2 per Vienna, 1 per la Duchessa di Parma e 1 per la corte di Lisbona, footnote4 per non parlare delle singole arie: e chissà se nel frattempo non abbia ricevuto altre commissioni. Mi ha già detto colà di non sperare di vederla prima di Pasqua; e a quel punto spero di essere già a Salisb. Ci verrà quindi spedita da Milano a Salisburgo. Per quanto riguarda il taffettà, sarete entrambe servite. Oggi pranziamo ancora una volta del sig. Wider, che, quando non siamo invitati altrove, ci ospita sempre alla sua tavola. Vi riverisce insieme con tutti i suoi; io gli sono assai obbligato. Martedì prossimo avremo un grande concerto. footnote5 La domenica precedente ci recheremo dal Legato imp., lunedì da S. E. Mafetti dove Bocelli è stato sc. etc. - addio, statemi bene, vi baciamo cento e 100 000 volte - sono il tuo vecchio Mozart

A tutti gli amici e le amiche dentro e fuori casa, ogni bene e a rivederci presto.
Sua Grazia il Princ. avrà senza dubbio ricevuto la mia lettera per il compleanno? footnote6 -
Si prega di utilizzare il seguente riferimento quando viene citato questo sito:
Eisen, Cliff et al. Con le Parole di Mozart, Lettera 233 <http://letters.mozartways.com>. Version 1.0, pubblicato da HRI Online, 2011. ISBN 9780955787676.
Con le Parole di Mozart. Version 1.0, pubblicato da HRI Online, 2011. ISBN 9780955787676