English  |  Deutsch  |  Italiano  |  Français
Napoli 26 Maggio 1770.
Questa è la terza lettera che ti scrivo da Napoli. La posizione di questa città mi piace ogni giorno di più, e la città in generale non è male; se solo il popolo non fosse così senzadio, e certa gente così stupida, da non rendersi neanche conto di esserlo. E la superstizione! - - Questa è così radicata da farmi affermare con certezza che qui dilaga un`eresia totale, vista con occhio imparziale. Con il tempo ti spiegherò la situazione. Spero di portarti incisioni con vedute e rarità di Napoli, footnote1 come ne ho già di Roma. Siamo, grazie a Dio, entrambi in salute. Il sarto sta lavorando a 2 vestiti che ho scelto in compagnia di Mr. Meuricoffre. Il mio è quasi Pampadour, ma di una sfumatura più tendente al rosso ciliegia scuro, in amoerro marezzato, foderato di taffettà azzurro cielo e con bottoni d`argento.
Quello del Wolfg. è in amoerro marezzato color verde mela, con bottoni d`argento e foderato di taffettà rosa.
Lunedì avrà luogo un`Accademia organizzata dalla moglie del legato imp. contessa v. Kaunitz, da Lady Hamilton, dalla Principeßa Bellmonte, dalla Principeßa Francavilla e dalla Ducheßa Callabritta, che verosimilmente ci frutterà almeno 150 Zechini. Di denaro del resto ne abbiamo bisogno, perché, se partiamo, ci aspetta un lungo viaggio senza alcun guadagno; mentre se restiamo qui, dobbiamo mantenerci per 5 mesi. Certamente qui guadagneremo sempre il necessario: solo che per il momento sono ancora deciso a partire fra 3 settimane. La settimana prossima speriamo di essere presentati al Re e alla Regina.
Il fatto che non ti abbia scritto niente di preciso su Roma ha le sue ragioni, saprai tutto nei dettagli, non ne ho ancora avuto tempo; già così scrivo di corsa.
La Nannerl non ha ricevuto l`allegato per il sig. v. Schiedenhofen del 25 aprile? - -
Chi altro immagini che abbiamo incontrato qui? - - Il sig. barone Bender, che si trovava a Francoforte da S.E. il conte Pergen. È qui presso il conte Kaunitz. Vi riverisce entrambe.
Per parte mia, ciò che hai stabilito con il sig. e la signora Hagenauer va bene. footnote2 Li riverisco tutti e due; la signora Hagenauer vorrà pur dire di tanto di tanto un Padre Nostro per noi. Ci sarà utile, ché noi non preghiamo molto.
Dunque è morto anche l`onesto Urban? - - Che Iddio lo consoli.
Le lettere per Napoli ci mettono 15 giorni.
Scrivi sempre a Roma.
La Madslle Troger è partita? - - Ha preso qualcosa con sé? - -
Il sig. Meisner è arrivato? Porgigli i miei ossequi, ché, ora che riceverai questa lettera, sarà già lì.
Stammi bene insieme alla Nannerl. Vi baciamo entrambe, e io sono il tuo vecchio Mzt

I miei omaggi
a tutta Salisb.
Si prega di utilizzare il seguente riferimento quando viene citato questo sito:
Eisen, Cliff et al. Con le Parole di Mozart, Lettera 186 <http://letters.mozartways.com>. Version 1.0, pubblicato da HRI Online, 2011. ISBN 9780955787676.
Con le Parole di Mozart. Version 1.0, pubblicato da HRI Online, 2011. ISBN 9780955787676