English  |  Deutsch  |  Italiano  |  Français
Versioni della Lettera 171
Persone nella Lettera 171
Luoghi nella Lettera 171
Opere di Mozart nella Lettera 171
À Madame / Madame Marie Anne Mozart / à / Salzbourg

Bologna, addì 27 Martij 1770

Da Parma ho scritto a Sua Ecc. il sig. Maggiordomo maggiore e da qui, il 24 corrente, a Sua Grazia il Princ. e anche a te. Aspetto che tu mi risponda se tutte queste lettere sono giunte puntualmente. footnote1 Ieri, da Sua Ecc. il sig. feldmaresciallo conte Pallavicini c`è stato un concerto a cui erano invitati Sua Eminenza il Cardinale e la prima nobiltà. footnote2 Tu conosci Sua Ecc. il conte Carl v. Firmian; ora vorrei che conoscessi anche Sua Ecc. il conte Pallavicini. Sono 2 gentiluomini che possiedono in ogni ambito uguale sentire, amabilità, generosità, posatezza e un particolare amore e intendimento per ogni genere di scienza. Domenica ho avuto l`onore di far visita a Sua Ecc. il sig. conte Pallavicini e di consegnargli la lettera di Sua Ecc. il conte v. Firmian; e, non appena ha inteso che meditavo di arrivare a Roma per la Settimana Santa, mi ha subito detto di volersi adoprare per disporre le cose in modo da poter avere il piacere, domani, di ascoltare questo straordinario giovane virtuoso, ma non da solo, bensì procurando lo stesso piacere anche a tutta l`alta nobiltà della città. Non voglio elencare tutti i particolari di come siamo stati portati nella carrozza di Sua Ecc. e di come siamo stati serviti, e riferirò solo che, fra le 150 persone della prima nobiltà che erano presenti, era stato invitato anche il celebre P. Martino; e, sebbene in genere lui non si rechi mai ai concerti, è venuto: questo concerto ha avuto inizio intorno alle sette e mezzo ed è proseguito fino alle undici e mezzo, perché la nobiltà non accennava ad andarsene. Hanno cantato il Sgr. Abrile e il Sgr. Cicognani. Dopodomani, giovedì 29, partiremo e venerdì sera arriveremo a Firenze, dove resteremo fino al 5, per poi proseguire il nostro viaggio verso Roma, in modo da arrivarvi a mezzogiorno dell`11, sempre che Dio non vi frapponga alcun ostacolo. Ciò che mi rallegra sopra ogni cosa è il fatto che qui siamo smisuratamente amati, e che il Wolfg. sia ancor più ammirato che in tutte le altre città italiane: perché questa è la sede e il luogo di residenza di molti maestri, artisti e uomini dotti. Qui egli è stato anche messo alla prova nel modo più serio, e questo rafforza la sua fama in tutta Italia, perché P. Martino, idolo degli italiani, parla di Wolfg. dicendone meraviglie e l`ha esaminato in tutte le prove.
Abbiamo fatto 2 visite a P. Martino: e ogni volta il Wolfg. ha composto una fuga di cui P. Martino si è limitato a scrivere, in poche note, solo il Ducem ovvero La Guida. Abbiamo visitato il cavalier Don Broschi, ossia il cosiddetto Sgr. Farinelli, nella sua tenuta fuori città. Abbiamo trovato la Spagnoletta, poiché sarà la prima donna nell`opera che verrà rappresentata a maggio, footnote3 e precisamente al posto della Gabrieli, che si trova ancora a Palermo e ha piantato in asso i bolognesi. Probabilmente pianterà in asso anche i milanesi.
Abbiamo incontrato il Sgr. Manfredini, ossia quel castrato che, tornando insieme col sig. Panter dalla Russia via Vienna, è stato da noi a Salisb. etc. etc.
Un certo vecchio Sigr. Abbate Zanardi si unisce a me nell`inviare omaggi al sig. Andrino. Alcuni hanno chiesto notizie del sig. maestro di cappella Lolli. Il sig. Brinsechi e molte persone hanno chiesto del sig. scultore di corte, tutti si uniscono a me nel porgergli i loro omaggi.
Siamo stati all`Instituto, e abbiamo visto la bella Statua del sig. scultore di corte. Quel che ho visto qui supera il Museum Britannicum: perché qui non ci sono solo rarità naturali, bensì tutto ciò che attiene in qualche modo alla scienza, proprio come vedere un dizionario custodito con cura e con ordine in belle stanze. Insomma! Saresti rimasta stupefatta etc. Di chiese, pitture, belle architetture e arredi di diversi palazzi non voglio neanche cominciare a parlare, perché già così riesco a stento a scrivere dalla stanchezza, ché è l`1 di notte passata, il Wolfg. ronfa già da un pezzo, e io mi addormento mentre scrivo.
Riguardo al cavallino, footnote4 non hai proprio nulla da farmi sapere. Ché chi regala la mie cose senza che io lo sappia e lo voglia, dovrà risarcirmi con qualcosa di meglio; soprattutto se è un gentiluomo che non ha in mente altro che nobili pensieri - - - -
È un bene che tu faccia scrivere a Lipsia. footnote5 Fai scrivere anche al sig. Gräffer, o a Heufeld. Addio! Statemi tutti bene, bacio te e la Nannerl 1000 volte. I miei omaggi a tutta Salisb. - Sono il Tuo fedele e
assonnato consorte
Mzt.

Non è stata affatto una cattiva pensata quella di mandarci a Bologna il minuetto del ballo, footnote6 onde trascriverlo per cembalo, perché a Salisb. non c`è nessuno che avrebbe potuto farlo. Il Wolfg. del resto ne è stato contentissimo, ringrazia il sig. v. Schiedenhofen e la Nannerl. Scriverà presto lui stesso; ieri infatti ho scritto mentre era già a letto, e oggi aggiungo queste righe mentre sta ancora dormendo, perché la posta parte subito. Lui manda qui il minuetto footnote7 che M. Pick ha danzato in teatro a Milano. Ancora una volta inviamo omaggi a tutti i nostri buoni amici, e prego il sig. v. Schidenhofen, il sig. v. Mölk e altri che mi hanno scritto di non aversela a male con me se non rispondo. Spero che terranno conto e comprenderanno quanto daffare abbia un viaggiatore, soprattutto dal momento che sono solo.
Kommabit aliquando Zeitus bequemmus schreibendi. nunc Kopfus meus semper vollus est multis gedankibus. footnote8
Il Wolfg. bacia te e la Nannerl 1000 volte.
Indirizza sempre le lettere al sig. Troger a Milano. Le ricevo puntualmente e non mi costano molto. Quando saremo a Roma, ti scriverò ancora al riguardo.
Tra le ricette mediche troverai (credo su un foglio lungo) la ricetta di un elettuario per il petto, che, come sai, mi sono fatto preparare spesso. Falla copiare chiaramente nella prossima lettera. Non ho nulla, grazie a Dio; ma ho pensato a questo elettuario di farfaro perché non si sa mai cosa può capitare. Finora (grazie a Dio) abbiamo aperto una sola volta il cartoccio delle medicine, e solo per dare al Wolfg. un cucchiaio di cremor tartaro.

AGGIUNTA SU UN FOGLIO DI CARTA DA MUSICA DEL FIGLIO (contenente l`autografo del Minuetto K122/73t):

Il P. Martino mi ha chiesto una Violinschule, devi quindi parlare con il gerente sig. Hafner. Che abbia la bontà di portarne una copia con sé a Bolzano e, all`occasione, di accluderla alle balle di tela per il sig. Brinsechi. Ma prima devi farla rilegare. Però solo con una rilegatura italiana, molto leggera: ma deve essere rilegata, perché gli italiani non capirebbero le istruzioni per il rilegatore.
Si prega di utilizzare il seguente riferimento quando viene citato questo sito:
Eisen, Cliff et al. Con le Parole di Mozart, Lettera 171 <http://letters.mozartways.com>. Version 1.0, pubblicato da HRI Online, 2011. ISBN 9780955787676.
Con le Parole di Mozart. Version 1.0, pubblicato da HRI Online, 2011. ISBN 9780955787676