English  |  Deutsch  |  Italiano  |  Français
A Madame / Madame Marie Anne / Mozart / à / Salzbourg
Milano, 13 marzo
1770

Sabato scorso non ho potuto scrivere perché il Wolfg. ha dovuto comporre 3 arie e 1 recit. con violini footnote1 per il concerto che si è svolto ieri in casa del conte Firmian: e io mi sono visto costretto a trascrivere le partes per i violini e solo allora a farle copiare, per evitare che venissero rubate. Erano presenti più di 150 persone della prima nobiltà, tra cui spiccavano il Duca, la Principessa e il Cardinale. Ora, con l`aiuto di Dio, abbiamo stabilito di lasciare Milano giovedì prossimo, ossia dopodomani, ma, giacché partiamo con un Vitturino e non prima di mezzogiorno, arriveremo a Parma solo sabato mattina; puoi facilmente immaginare che ho un incredibile daffare, tanto più che, per via del nostro lungo soggiorno, ho svuotato tutto il baule. Tra stasera e domani verrà decisa anche un`altra cosa. Vogliono cioè che il Wolfg. scriva la prima opera per il prossimo Natale. Se questo accadrà, puoi stare allegra, giacché in tal caso torneremo sicuramente a casa prima di quanto, in base alle nostre previsioni, sarebbe altrimenti successo: quindi abbiamo un gran daffare per poter arrivare a Roma per la Settimana Santa. Tu sai che Roma è il luogo dove bisogna necessariamente fermarsi. Poi ci recheremo a Napoli, e questa città è così notevole che, se la Scrittura per l`opera da rappresentare a Milano non ci richiamasse là, potrebbe facilmente presentarsi un`occasione che ci trattenga a Napoli per tutto il prossimo inverno.
Tuttavia, se otterremo la Scrittura, footnote2 ci verrà spedito il libretto, footnote3 il Wolfg. avrà modo di riflettere un po` sulla cosa, potremo prendere la strada che passa per Loreto ed essere di nuovo a Milano per l`Avvento; e, giacché il compositore non è tenuto a trattenersi dopo che l`opera è in Scena, potremo poi tornare a casa, passando per Venezia, e restare a casa per un anno. Affido tutto alla provvidenza e al volere di Dio. Ti prego di porgere le mie scuse ovunque e i miei auguri a tutti coloro che si chiamano Joseph; footnote4 questa infatti è la settimana più pesante per me: sai quanto sia faticoso, triste e gravoso il partire. Porgi soprattutto i miei rispettosi omaggi e le mie scuse a S.G. il sig. Confessore.
Indirizza sempre le lettere, come prima, al sig. Troger, che me le inoltrerà sicuramente.
Appena sono a Bologna o a Firenze ti scriverò, forse anche da Parma.
Domani facciamo un pranzo d`addio con Sua Eccellenza, che ci ha provvisto di lettere per Parma, Firenze, Roma e Napoli. footnote5 Non posso descriverti con quanta amabilità ci abbia sempre trattati Sua Ecc. durante il nostro soggiorno. Avrei già scritto a Sua Ecc. il maggiordomo maggiore, se non dovessi aspettare ancora domani per potergli scrivere tutto in dettaglio. Porgi i miei omaggi a tutti i buoni amici e alle amiche. Statemi tutti bene, bacio te e la Nannerl 1000 volte e sono il vecchio Mzt

Specialiter ogni bene da entrambi noi a Mr. Selzam.

AGGIUNTA DI MOZART:

Riverisco, e bacio la mama e mia sorella milioni di volte, e, grazie a Dio, sono in salute, addio.
Si prega di utilizzare il seguente riferimento quando viene citato questo sito:
Eisen, Cliff et al. Con le Parole di Mozart, Lettera 165 <http://letters.mozartways.com>. Version 1.0, pubblicato da HRI Online, 2011. ISBN 9780955787676.
Con le Parole di Mozart. Version 1.0, pubblicato da HRI Online, 2011. ISBN 9780955787676